Memoria selettiva.

ScritteCristicchi

10 febbraio, Giorno del Ricordo per le vittime delle Foibe.

Qualcuno, a Roma ed a Mestre, lo celebra scrivendo frasi offensive ed ingiuriose nei confronti di quelle vittime e nei confronti di un artista che le ha volute ricordare in uno spettacolo teatrale, insieme a chi è stato travolto dall’uragano della Storia al punto da essere strappato dalla propria terra e non riuscire più a metter radici in nessun dove: gli Esuli istriani. fiumani e dalmati.
Da quando fu annunciato, in un’intervista, che in Album di Famiglia ci sarebbe stato un brano dal titolo “Magazzino 18″ ispirato e dedicato al dramma dell’Esodo dalle terre istriane nel dopoguerra, s’è scatenata la bagarre di accuse “Cristicchi canta le Foibe = Cristicchi fascista!”: si parla giusto di un anno fa, 10 febbraio.
Un anno di polemiche basate sul nulla e di insulti gratuiti.
Polemica continuata e reiterata durante la preparazione dello spettacolo, al suo esordio, durante il tour in Italia ed all’estero, poi in occasione della messa in onda televisiva… un anno di accuse di fascismo, revanscismo, neonazismo ma anche comunismo, perché ci son stati attacchi da entrambi gli estremismi ideologici.
Bell’anniversario, eh?
In un anno è successo di tutto, partendo dalle ingiurie e dalla diffamazione, passando dalle offese, dai tentativi di boicottaggio dello spettacolo, da atti di vandalismo, minacce più o meno serie fino a ritrovarsi con la Digos che sorveglia ogni rappresentazione di Simone ed indaga su quest’ultima becera manifestazione dell’ignoranza umana e qualcosina d’altro tra i vari esempi di squisita idiozia che ci son stati elargiti su Facebook.
Questo bel regalo d’anniversario è da parte di chi ha pensato di “manifestare il suo diritto costituzionale di esprimere la propria opinione” imbrattando i muri del Teatro Vittoria di Roma, il vicino ufficio postale ed un’altra superficie a Mestre (VE) con scritte offensive e minacciose, utilizzando simboli che dimostrano quanto la politicizzazione estrema e l’ideologia a senso unico vadano di pari passo con l’ignoranza e l’intolleranza: a Mestre usano il simbolo delle Brigate Rosse, che non eran certo eroi da celebrare né da prendere ad esempio. Erano terroristi, erano rapitori, erano assassini.
Erano violenti estremisti, come lo erano i fascisti.
La memoria di queste persone è selettiva: per loro vanno ricordate solo vittime di una certa categoria, quella che loro decidono esser degna di memoria e compassione.
Le altre? Le altre non esistono, perché secondo loro nelle Foibe ci sono solo fascisti.
Loh

mestre

Prima copia!

PrimaCopiaMag18

Ecco la prima copia!
È appena “nato” il libro di Magazzino 18.
Un testo scritto grazie all’aiuto di tante persone, che con grande passione hanno voluto donare a me e Jan Bernas i loro testamenti di memoria.
Collana Strade Blu.
Prefazione di Gian Antonio Stella. Dal 4 febbraio in tutte le librerie !
Simone

10 febbraio: Magazzino 18 su Rai1 (in seconda serata).

Ph. Mauro Taddei

Buonasera a tutti! Sembra sia notizia ufficiale che lo spettacolo “Magazzino 18″ andrà IN ONDA su RAI 1 (seconda serata).

Le riprese dello spettacolo registrate in ottobre da una troupe di Rai3 Friuli Venezia Giulia al Politeama Rossetti, saranno precedute da un breve speciale di Porta a Porta.

Ringrazio quanti hanno creduto in questo progetto, tutte le persone che hanno firmato la petizione, ma soprattuto il capo-struttura di Rai 1 MICHELE BOVI, che si è speso enormemente e con grande ostinazione e coraggio per la messa in onda di Magazzino 18. A questo punto mi auguro che lo spettacolo possa raggiungere milioni di persone (anche nel mondo) per rendere omaggio a questa storia, una storia che deve appartenere a TUTTI!

Simone Cristicchi

“MAGAZZINO 18 per il GIORNO DEL RICORDO su RAI 1? La Rai ci ripensa.”

IL PUBBLICO LANCIA UNA PETIZIONE
RAI: ” NON CANCELLARE LA PROGRAMMAZIONE DELLO SPETTACOLO “MAGAZZINO 18″ PREVISTA SU RAI 1
IL 10 FEBBRAIO “GIORNO DEL RICORDO 2014″

A tutti gli Slacciati

Salve a tutti,
purtroppo, dopo averlo annunciato in via ufficiosa qualche settimana fa, la messa in onda su RAI 1 dello spettacolo “Magazzino 18″ registrato al teatro Rossetti di Trieste non è stata al momento confermata.
Sembra infatti che ci sia stato un dietro front, per lasciare spazio ad un’altra trasmissione: ubi maior, minor cessat!
Questo è tutto quello che sappiamo e che ci è stato detto.
Ci dispiace per tutte quelle persone che non avendo visto lo spettacolo nella propria città, aspettavano il 10 febbraio per poterlo vedere in tv, anche se in seconda serata.
In attesa di ulteriori sviluppi, vi terremo aggiornati appena ci saranno notizie a riguardo.
ATTENZIONE: la petizione di cui sopra e’ stata spontaneamente decisa dagli spettatori di “Magazzino 18″ in segno di protesta nei confronti della RAI: persone che avendo visto lo spettacolo tenevano a farlo vedere ad altre persone, come figli di esuli che desideravano che anche i loro anziani genitori potessero assistervi, esuli stessi nelle cui città lo spettacolo non è ancora stato messo in cartellone, persone che ne hanno sentito parlare e voglion andare a teatro ma le date sono ancora lontane o altri che, semplicemente, l’han già visto e voglion rivederlo, magari insieme ad amici e parenti.
Chi lo desidera può firmare cliccando QUI..Grazie di cuore a tutti!

Un’immersione nella Memoria, con il Nautilus

Nautilus

Martedì 28 gennaio su Rai Scuola, canale 146 del digitale terrestre, il programma Nautilus parlerà di Magazzino 18 con un’intervista a Simone in onda dalle 11:30 alle 12:00 circa.
Il canale prevede cinque repliche della puntata, una ogni quattro ore: l’appuntamento potrebbe essere quindi alle 15:30, 19:30, 23:30 etc.
Quando vi fa comodo. ;)
Sarà inoltre possibile rivedere l’intervista sul sito della trasmissione a QUESTO LINK.

SuperSimo da SuperMax: il podcast.

Potete riascoltare l’intervento di Simone alla trasmissione di Max Giusti cliccado QUI.

Citofonare (sempre) Cuccarini.

Oggi 16 dicembre Simone sarà ospite su Radio1 di Lorella Cuccarini, del programma ”Citofonare Cuccarini”, dalle 18,15 in diretta per raccontare del “Magazzino 18″, di Voi che l’avete accolto con tutto il vostro affetto e commosso dal debutto di Trieste fino alle emozioni respirate in Istria, a Pirano, Pola, Umago, Buie… parlerà delle storie degli esuli e dei rimasti… 
Scrivendo da subito sulla pagina facebook di Citofonare Cuccarini nel post dedicato a Simone o inviando messaggi sms, dalle ore 18,10 al 3356992949 è possibile fargli domande e lasciargli i nostri commenti che verranno letti in diretta a Simone! La storia di “Magazzino 18″ arriva su Radio1!

[Aggiornamento delle ore 23:16 – Ecco il link al PODCAST DELLA PUNTATA)